Focus on: la cuffia dei rotatori
Francesco Fauci, Giovanni Merolla, Giuseppe Porcellini, Marco Saporito, Paolo Paladini

60,00 IVA inclusa

Questa monografia oltre a trattare a 360° i vari aspetti che riguardano la patologia della cuffia dei rotatori, cerca di dare una risposta alle numerose domande che ognuno di noi si pone durante la visita di un paziente con un dolore che origina dalla cuffia dei rotatori.
Tutto questo rende questa monografia di aiuto per chi si dedichi particolarmente a questa patologia, ma anche estremamente interessante per chi, pur provenendo da meno recenti esperienze, voglia aggiornarsi culturalmente su questo tema.

  • Autori: Francesco Fauci, Giovanni Merolla, Giuseppe Porcellini, Marco Saporito, Paolo Paladini
  • Lingua del testo: Italiano
  • Data di pubblicazione: 01/2016
  • Confezione e Formato: Brossura (17x24 cm)
  • Numero di pagine: 272
  • Marchio: Timeo
  • Codice ISBN: 978-88-97162-45-2

Descrizione

Quale è il miglior trattamento da intraprendere difronte ad un paziente con una lesione della cuffia dei rotatori? Come posso capire se il trattamento conservativo per quel tipo di paziente rappresenta solo una perdita di tempo? Quali criteri devo considerare per orientare al meglio la mia scelta?

60,00 IVA inclusaAggiungi al carrello

Additional Information

Weight0,700 kg

Visti di recente...

Tabloid di Ortopedia

30,00 IVA inclusa

Tabloid di Ortopedia è un mensile di informazione, cultura e attualità per gli ortopedici, i reumatologi e i fisiatri italiani.

7 numeri + 1 speciale SIMFER

In offerta!

Manuale pratico di terapia con onde d’urto

61,75 IVA inclusa

L’obiettivo del testo è quello di dare uno stimolo e un suggerimento sia a chi si occupa della metodica, che vuole confrontarsi con gli elementi innovativi sin qui disponibili, sia a chi è interessato a un’informazione di ampia visione sulle tematiche proposte e sulle ipotesi di cura e di sviluppo consentite dalla terapia con onde d’urto.

La tecnica mini-invasiva anteriore nella chirurgia protesica dell’anca

120,00 IVA inclusa

La riduzione dell’aggressività chirurgica, l’accorciamento delle tempistiche operatorie, la diminuzione dei danni tessutali, la riduzione delle perdite ematiche e del fabbisogno trasfusionale, la diminuzione del dolore post-operatorio, con miglioramento della possibilità di controllo farmacologico, la riduzione della degenza ospedaliera, il più rapido e agevole recupero funzionale e il più veloce raggiungimento del risultato clinico finale rappresentano gli aspetti fondamentali oramai consolidati nell’esperienza clinica comune della tecnica mini-invasiva.