Atlante di anatomia chirurgica – Le vie di accesso in traumatologia – cofanetto
Gianfranco Zinghi, Raffaele Pascarella, Roberto Rotini

270,00 IVA inclusa

Vie d’accesso in traumatologia (volumi arto superiore + bacino e arto inferiore) è un atlante di anatomia dal chiaro significato pratico: con 200 immagini di campo operatorio, 400 disegni anatomici e l’iconografia di casi clinici emblematici, mostra le vie anatomiche più utili nelle differenti situazioni cliniche di osservazione del traumatologo, illustrando nel modo più semplice i tempi dell’operazione, dai tessuti superficiali fino al piano scheletrico sede della lesione, per eseguire una via d’accesso senza rischi.

  • Autori: Gianfranco Zinghi, Raffaele Pascarella, Roberto Rotini
  • Lingua del testo: Italiano
  • Data di pubblicazione: 10/2018
  • Confezione e Formato: Cartonato (24x31cm)
  • Numero di pagine: 703
  • Marchio: Timeo
  • Codice ISBN: 978-88-97162-71-1

Descrizione

Più di 700 pagine

400 disegni anatomici

200 immagini di campo operatorio e documentazione di casi clinici emblematici

Lo scritto è contenuto al minimo indispensabile, privilegiando l’iconografia.
Tutte le tavole portano la firma di insigni maestri e/o allievi della scuola di disegno anatomico dell’Istituto Rizzoli.

“Questo testo atlante in due volumi, vuole mettere nella giusta luce le conoscenze necessarie per accedere, “a cielo aperto”, a un segmento scheletrico fratturato. L’anatomia che studiavamo sui banchi dell’università ci ha fornito quel bagaglio culturale fatto di muscoli, vasi e nervi che è necessario, ogni tanto, rispolverare. Per questo motivo abbiamo voluto mettere insieme schemi e disegni riguardanti sia le vie d’accesso, sia l’anatomia chirurgica.

Le foto dei campi operatori sono state selezionate da un’enorme quantità di osservazioni con particolare attenzione sia all’aspetto estetico, sia a quello didattico. L’opera è in due volumi, il primo (320 pagine) riservato all’arto superiore, il secondo (384 pagine) alla pelvi,

al cotile e all’arto inferiore. Abbiamo escluso le ricerche anatomiche e le vie d’accesso dedicate alla chirurgia della mano perché di stretta competenza superspecialistica.
I radiogrammi che documentano i vari tipi di frattura (pseudoartrosi e consolidazioni viziose comprese) non vogliono privilegiare né una tecnica operatoria, né questo o quel mezzo di sintesi, bensì descrivere la via d’accesso più adatta al tipo e al livello della lesione.”

Gianfranco Zinghi

Traumatologia, come accedere alla clavicola?

Il decubito è supino, il capo inclinato e ruotato contro-lateralmente. L’incisione si sovrappone al margine anteriore dell’osso dopo averlo palpato attraverso le parti molli. Aperta la fascia, si scolla il periostio esponendo, all’occorrenza, l’intera clavicola dopo aver disinserito trapezio (1) e deltoide (2) lateralmente, sterno-cleido-mastoideo (3) e gran pettorale (4) medialmente.

270,00 IVA inclusaAggiungi al carrello

Additional Information

Weight 5.24 kg

Visti di recente...

Le fratture di scapola

120,00 IVA inclusa

La frattura complessa di scapola sta acquisendo maggiori attenzioni da parte dei chirurghi: stanno crescendo numericamente i traumi ad alta energia e quindi risultano più frequenti i traumi complessi di alcuni distretti scheletrici, compreso il cingolo scapolare. Inoltre tali traumi tendono ad associarsi ad altre lesioni scheletriche, neurologiche e viscerali per il concomitante coinvolgimento del torace e dell’addome.

Disponibile anche in lingua inglese

Filler – Manuale illustrato di tecniche iniettive

109,00 IVA inclusa

Efficaci, versatili e relativamente sicuri, i filler dermici sono tra i trattamenti più richiesti in medicina estetica . Questo libro permetterà ai medici estetici di comprendere le nuove tecniche di iniezione e di capire quale filler scegliere, mantenendo comunque un’ottica incentrata sul risultato naturale e sull’aspettativa del paziente.

Disponibile anche in Inglese

Manuale di Medicina Estetica Tomo 1 – Approccio diagnostico

120,00 IVA inclusa

La Medicina Estetica nasce in Italia nel 1975 ad opera del Prof. Carlo Alberto Bartoletti, che fonda la Società Italiana di Medicina Estetica SIME, e getta, con il suo primo Editoriale del 1977, le basi per quelli che sono i principi e le finalità della Medicina estetica: “….Il cui scopo ultimo è la costruzione e la ricostruzione dell’equilibrio psicofisico”